Presentazione del Presidente del Comitato Scientifico La nascita di una nuova rivista è accadimento non privo di significato: essa va salutata con attenta considerazione e con impegno consapevole delle difficoltà.L'utilità non si esaurisce nell'immediatezza dell'informazione: pur caratteristica necessaria di una rivista on line.
La rivista si propone altresì come affermazione e testimonianza di un indirizzo di ricerca e d'insegnamento che nel metodo comparatistico rinviene il momento di specificazione e di unificazione. Ma tale finalità si persegue sul presupposto ineludibile di un'approfondita conoscenza del c.d. diritto municipale: di qui il nome di comparazione e diritto civile.
L'ulteriore consapevolezza è che un diritto civile moderno, interpretato costituzionalmente e nel solco del diritto comunitario, ruota intorno alla persona umana e agli interessi da questa manifestati: esso di tutto ciò si rende interprete, organizzatore e garante.
In tale prospettiva, l'apporto del diritto vivente - nelle decisioni giurisprudenziali e delle autorità garanti - è elemento indefettibile.
Per altro verso, la complessità e il pluralismo delle fonti inducono ad affrontare il singolo, concreto problema in una dimensione che - pur nella salvaguardia delle peculiarità - non perda di vista l'unitarietà dell'ordinamento giuridico e la sua organizzazione sistemica.
La rivista è aperta a tutti gli studiosi in uno scambio continuo - facilitato dallo strumento elettronico e in assenza di assillanti scadenze temporali - di vedute e di esperienze: una palestra, soprattutto per i giovani che coltivano il diritto civile con rigore antico e con modernità di prospettive.

Pasquale Stanzione