Nuove fisionomie di consumatori e professionisti. Un'ipotesi applicativa: network marketing
Valentina Barela
(Aprile 2017)

La figura del consumare ha interessato ampiamente la dottrina più sensibile, intenta a rimediare -  con l’avvento della società dei consumi - alla crisi del paradigma dell’autonomia negoziale e alle asimmetrie in primis informative e contrattuali. Le innovazioni della tecnologia, l’e-commerce, ma anche gli outcome dei nuovi approcci comunicativi, mutuate nelle nuove pratiche commerciali, richiedono una maggiore cautela nell’identificare ... [ leggi]

Personalità della prestazione notarile e controllo della concorrenza
Paolo De Martinis
(Aprile 2017)

 

Le “specificità” della professione notarile, quali la previsione di attività riservate e obbligatorie, la predeterminazione di un numero massimo di notai e la ripartizione territoriale in distretti dell’attività, sono al centro di un dibattito anche politico che non si è ancora concluso e sul cui esito inevitabilmente peseranno la capacità della categoria di cogliere i cambiamenti della società civile e le aspettative ... [ leggi]

L'aproccio alle obbligazioni legali in chiave comparatistica
Piervincenzo Pacileo
(Febbraio 2017)

In materia di responsabilità civile, e, di conseguenza, segnatamente, di obbligazioni ex lege, appare indubbiamente fondamentale il ricorso allo studio comparatistico, nonché prezioso il conseguente sforzo di ravvicinare i diversi ordinamenti della Western Legal Tradition, al fine di:

1)      individuare delle guidelines di un possibile regime comune;

2)      favorire, altresì, il ... [ leggi]

La sorte del contratto nell'ipotesi del riciclaggio
Giovanni Sciancalepore

Con il decreto legislativo del 21 novembre 2007 n. 231, attuativo della Direttiva 2005/60/CE relativa alla prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo, e le sue successive modifiche, da ultimo quella ad opera del cosiddetto “decreto salva Italia” (decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201), si cristallizzano le linee guida della normativa antiriciclaggio, all’attenzione ... [ leggi]

L’imputazione dei canoni nel procedimento e nella qualificazione del rent to buy
Giorgio Biscontini

Negli ultimi anni si è riscontrata una forte contrazione del mercato immobiliare: ciò ha spinto il legislatore ad intervenire predisponendo all’art. 23 d.l. 12 settembre 2014, n. 133 una disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili prendendo spunto pure dalla prassi, atteso che nel mercato da tempo venivano utilizzate figure contrattuali atipiche note con i nomi di rent to buy, di buy to rent ... [ leggi]

The settlement between structural complexities and dogmatic perspectives
Giovanni Sciancalepore
(Aprile 2016)

A precursor of ADR, the settlement agreement (contratto di transazione in Italian) is a self-regulation instrument of private interests teleologically oriented to the out-of-court resolution of legal disputes. It is characterized by a certain problematic nature, enhanced by its remarkable structural flexibility.

As evidenced in the articles of the Italian Civil Code ... [ leggi]

La tutela del consumidor frente a los abusos de los empresarios. Un estudio de derecho español, comparado y comunitario
Lourdes Blanco Pérez-Rubio
(Gennaio 2016)

Comenzaremos diciendo que el problema de los abusos de los empresarios respecto del consumidor se plantea en todos los sectores donde la contratación se efectúa mediante condiciones generales y cláusulas predispuestas, en los que el profesional introduce en el contrato, de forma unilateral, cláusulas que a él le resultan más beneficiosas (por ejemplo, las que reducen o suprimen su responsabilidad, o que mencionan que el plazo de entrega de la mercancía ... [ leggi]

L’Italia si conferma ordinamento no trust (spigolando oltre ogni contaminazione)
Giovanni Siancalepore
(Luglio 2015)

La riflessione che segue ha preso le mosse da una sentenza della Cassazione, in tema di trust c.d. liquidatorio; questa ha rappresentato “il pretesto” per procedere ad una ricostruzione attuale del fenomeno, laddove non è stata pretermessa la traccia data dalla genesi del trust stesso. La ricognizione, non solo categoriale, ha imposto un viaggio a ritroso, alla ricerca delle pertinenti ragioni – anche storico-sociologiche.

L’intento, qui ... [ leggi]

The right of unilateral termination. The right of withdrawal
Monica Lupascu
(Gennaio 2015)

One of the most important aspects of the new consumer protection law (GEO 34/2014 on consumer rights in regards to contracts concluded with professionals) is, of course, the greatly ‘right of withdrawal’, which is discussed at a normative level through the retrieval and reconsolidation of the former ‘right of termination’ found in the previous GO 130/2000 on the protection of consumers in respect of distance contracts.

Before talking about its applicability, one ... [ leggi]

Interessi moratori e ritardo nei pagamenti delle transazioni commerciali
Maria Francesca Tommasini
(Dicembre 2014)

E' risalente nel tempo il dibattito circa la configurabilità e la natura degli interessi moratori. Già Pothier, pur confermando la propria contrarietà all'istituto, riconosceva l'idoneità del denaro a produrre interessi nelle ipotesi di inadempimento delle obbligazioni pecuniarie. Ma, poiché per il creditore poteva risultare oltremodo difficoltoso provare l'esatta consistenza del danno subito, l'autore proponeva di ricorrere ad un meccanismo ... [ leggi]

Riflessioni civilistiche sul contratto di sponsorizzazione sportiva
Carlo d’Orta - Francesca Fiorentino
(Maggio 2014)

E’ fin troppo noto che il cosiddetto fenomeno della sponsorizzazione, si precisa, non solo sportiva, genera una diffusa attenzione ed un crescente interesse tra insigni giuristi a partire dagli anni ’80 del secolo scorso. Risalgono ai primi anni di quel decennio gli originari interventi dottrinali volti a proporne una qualificazione, a rilevarne i profili civilistici, le caratteristiche tipologiche e patologiche, nonché a suggerirne una definizione. Nel solco di un pressoché ... [ leggi]

Equilibrio “normativo” ed “economico” nei contratti del consumatore, tra diritto interno e comunitario. Brevi riflessioni sul sindacato di vessatorietà del giudice.
Salvatore Vigliar
(Ottobre 2013)

L’ampio e articolato quadro normativo predisposto negli anni dal legislatore comunitario ha inciso in misura rilevante sulle dinamiche del diritto dei contratti, sia a livello concettuale che meramente tecnico ed operazionale.

Da un lato, infatti, nel quadro degli obiettivi di "armonizzazione" propri dell'Unione, sono stati avviati ambiziosi progetti (rimasti per lo più in fase “embrionale”) di "armonizzazione" del diritto contrattuale europeo, rappresentati, ... [ leggi]

Brevi Note in tema di trust (anti)-antimafia, ovvero: la segregazione dei beni in frode alla legge.
Alberto Marchese
(Settembre 2013)

Il terreno della lotta alla mafia è come un campo minato dove il minimo errore, la più lieve divergenza dal percorso indicato dagli artificieri, rischia di far esplodere una bomba sotto i piedi dell’inconsapevole passante.

È con questa consapevolezza – che suscita, al tempo stesso, un sentimento misto tra inquietudine e curiosità – che il giurista si accosta all’analisi di quei fenomeni, inediti e problematici, che l’analisi ... [ leggi]

Clausole abusive - buona fede- ragionevolezza
Antonio Musio
(Luglio 2013)

La direttiva 93/13/CEE del Consiglio, del 5 aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori, deve essere interpretata nel senso che osta ad una normativa di uno Stato membro, come quella di cui trattasi nel procedimento principale, la quale non prevede, nel contesto di un procedimento di esecuzione ipotecaria, motivi di opposizione tratti dal carattere abusivo di una clausola contrattuale che costituisce il fondamento del titolo esecutivo, ... [ leggi]

Renovación normativa y consecuencias legales de la prohibición de discriminación por razón de sexo Del asegurado declarada por la stjue De 1 de marzo de 2011
Bárbara De La Vega Justribó
(Giugno 2013)

Con fecha de 13 de mayo de 2013, el Gobierno español ha planteado una modificación normativa en la Ley de Ordenación y Supervisión de los Seguros Privados (en adelante LOSSP) para regular la no discriminación entre hombres y mujeres en materia de tarifas de seguros, primas o prestaciones, dando así cumplimiento a la sentencia del Tribunal de Justicia de la Unión Europea de 1 de marzo de 2011, y que ya fue comentada en otro trabajo.

[ leggi]

Art. 62 d.l. n. 1 del 2012 e direttiva n. 7 del 2011: il problema della disciplina dei termini di pagamento tra inderogabilità e determinazione pattizia
Giorgio Biscontini
(Novembre 2012)

Da anni, coscienti della delicatezza che riveste il tema dei termini di pagamento, sia il legislatore comunitario sia quello nazionale sono intervenuti per fornirne una disciplina che tutelasse le ragioni del creditore, senza vessare la posizione del debitore, improntando alla trasparenza ed alla efficienza gli scambi commerciali. La correttezza delle relazioni commerciali non può prescindere dal rispetto degli impegni assunti nei rapporti contrattuali, specialmente se correnti tra partners ... [ leggi]

Diritto privato di derivazione europea, diritto privato europeo e regolazione dei contratti transnazionali nel mercato interno europeo
Laura Valle
(Novembre 2012)

L’adozione del regolamento su un diritto comune europeo della vendita (Common European Sales Law, Cesl), ora allo stato di proposta, se effettivamente avverrà, potrebbe assumere  un importante significato il passaggio da un diritto contrattuale di derivazione europea, basato su direttive da recepirsi all’interno degli Stati membri, ad un diritto contrattuale europeo di regole uniformi, adottato con un regolamento e direttamente efficace negli ordinamenti degli ... [ leggi]

Contratti agroindustriali ed art. 62 d.l. n. 1 del 2012: luci ed ombre
Giorgio Biscontini
(Novembre 2012)

Recentemente, è entrato in vigore il d.l. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con l. 24 marzo 2012, n. 27, recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo e la competitività. Tra le tante norme, l’art. 62 rubricato “Disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari” ha interessato il settore agricolo. La norma pare porsi in linea con un trend normativo, avallato anche dalla giurisprudenza, da ... [ leggi]

Comparative analysis of the evolution ot the termination of contract
Valentina Barela
(Novembre 2012)

The analysis emphasizes the interpretative difficulties that arise out of the mere terminological translation of the expressions evocative of termination forms; therefore it’s necessary to rebuild a common terminology in European contract law. The purpose of this research is point out that in the North American experience, unlike in the English one, there are several classifications which describe the different hypotheses of fundamental breach, such as, by way of an example, the one of ... [ leggi]

Osservazioni in tema di recesso dal contratto e tutele
Antonio Las Casas
(Novembre 2012)

La previsione (legale o convenzionale) del diritto di recesso in capo ad una delle parti (o ad entrambe), specialmente nei contratti di durata, sollecita la domanda circa l’esistenza di strumenti di tutela degli interessi della parte che subisce il recesso. Tra tali interessi, assume particolare rilevanza l’esigenza di recupero del costo o delle potenzialità produttive di investimenti che, pur utili ed economicamente giustificati in relazione all’esecuzione della prestazione ... [ leggi]

La regola dell'affidamento nel diritto comune europeo
Laura Vagni
(Novembre 2012)

La presenza, nell'Europa dei secoli XII-XIX, di una tradizione giuridica comune alla common law e alla civil law è stata lungamente indagata dai comparatisti, i cui studi dimostrano come il diritto europeo si sia sviluppato nei secoli in un contesto di comunicazione tra i giuristi dei diversi ordinamenti e di condivisione di princìpi e regole giuridiche, formati attraverso l’attività interpretativa dei giuristi, sia teorici che forensi, a vocazione essenzialmente ... [ leggi]

Obbligazione di sicurezza, inadempimento e mora credendi del datore di lavoro
Marco Capece
(Ottobre 2012)

La regolamentazione della sicurezza sul lavoro nel nostro ordinamento si basa in primo luogo sulle disposizioni costituzionali in materia di libertà di iniziativa economica e tutela della salute.

Il diritto alla salute ha una particolare rilevanza nel sistema costituzionale, in quanto, ai sensi dell’art. 32, consiste sia in un fondamentale diritto dell’individuo sia in un interesse della collettività e si inserisce nell’ambito dei diritti fondamentali attraverso ... [ leggi]

Gli effetti giuridici delle dichiarazioni precontrattuali nelle relazioni commerciali internazionali: rilievi critici sul diritto nazionale e transnazionale.
Alessandra Benedetto
(Settembre 2012)

L’aspetto che, più di altri, contraddistingue ed, anzi, fa della fase delle negotiations il momento forse più complesso dell’intera vita di una fattispecie contrattuale commerciale è rappresentato dalle conflicting policies, connaturate alla logica e alle dinamiche del mercato ma profondamente amplificate ogni qual volta quest’ultimo assuma una dimensione internazionale.

Se da un lato, infatti, si pone la ferma intenzione di ciascun ... [ leggi]

Affidamento precontrattuale e rimedi nei sistemi con “immunità precontrattuale”
Antonio Las Casas
(Luglio 2012)

Il fallimento della trattativa diretta alla stipulazione di un contratto comporta la frustrazione di alcuni interessi economici delle parti. Tali interessi assumono astrattamente rilievo dal punto di vista economico e spetta al sistema giuridico valutare la loro meritevolezza di tutela e gli strumenti giuridici appropriati per la attuazione di tale tutela.

La mancata conclusione di uno scambio impedisce in primo luogo alle parti di soddisfare il loro interesse al conseguimento del relativo ... [ leggi]

Mutamento delle circostanze ed eccessiva onorosità sopravvenuta nelle proposte di riforma del diritto dei contratti in Francia e nel diritto luso-brasiliano.
Alfredo Calderale
(Marzo 2012)

In un’atmosfera di  irresistibile “fascination codifitrice, che ha già prodotto la riforma del diritto  delle garanzie nel 2006, in Francia sono stati elaborati, negli ultimi anni, anche tre progetti di riforma del diritto delle obbligazioni. Predisposto dal gruppo di lavoro patrocinato dall’ Association Capitant  e diretto dal prof. Pierre Catala, l’ ... [ leggi]

L’esecuzione del contratto a distanza tra “spedizione” anglosassone e “recezione” continentale
Piervincenzo Pacileo
(Dicembre 2011)

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito lo scorso 9 giugno 2011 che l'art. 5, punto 1, lettera b), primo trattino, del Regolamento n. 44/2001 del Consiglio del 22 dicembre 2000, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, deve essere interpretato nel senso che, in caso di vendita a distanza, il luogo in cui deve essere eseguito il contratto, ovvero dove i beni sono stati o avrebbero dovuto ... [ leggi]

Mutamento delle circostanze ed eccessiva onorosità sopravvenuta nelle proposte di riforma del diritto dei contratti in Francia e nel diritto luso-brasilisano.
Alfredo Calderale
(Dicembre 2011)

.  In un’atmosfera di  irresistibile  “fascination codifitrice”, che ha già prodotto la riforma del diritto  delle garanzie nel 2006, in Francia sono stati elaborati, negli ultimi anni, anche tre progetti di riforma del diritto delle obbligazioni. Predisposto dal gruppo di lavoro patrocinato dall’ Association Capitant  e diretto ... [ leggi]

Le scommesse nell'era di internet: le discipline italiana e comunitaria
Giovanni Maria Riccio
(Luglio 2011)

Nel corso dell’ultimo decennio, il settore del gioco – e quello delle scommesse on-line in particolare – ha vissuto una espansione molto significativa, soprattutto se paragonata a quella degli altri settori imprenditoriali.

I fattori che hanno determinato questa esplosione sono molteplici e saranno analizzati diffusamente nel prosieguo.

È possibile, tuttavia, individuare due elementi portanti:

  1. un primo aspetto, prettamente giuridico, ... [ leggi]

    Il ruolo del notaio nel procedimento di vendita immobiliare
    Carlo Mazzù
    (Giugno 2011)

    Il titolo della relazione avrà sorpreso e incuriosito per l’accostamento inusuale del contratto di compravendita immobiliare al procedimento: l’uno gravitante nell’area del diritto civile e l’altro operante nel suo terreno di elezione del diritto amministrativo.

    Il primo compito del relatore è quello di chiarire il senso della scelta e di orientare verso l’acquisizione condivisa del risultato auspicato. 

    In altri termini, il filo ... [ leggi]

    Inadempimento del fornitore nel credito al consumo e rimedi relativi al rapporto di finanziamento
    Gianluca Mignacca
    (Febbraio 2011)

    Uno degli aspetti della disciplina del credito al consumo più rilevanti e controversi è stato sicuramente costituito dalla rilevanza giuridica che poteva assumere il collegamento fra il contratto di credito e il contratto per la fornitura del bene o del servizio, tutte le volte in cui il consumatore avesse stipulato il contratto di credito allo scopo precipuo di procurarsi i mezzi finanziari necessari per pagare il corrispettivo di un bene o di un servizio.

    Il dibattito ... [ leggi]

    Profili delle convenzioni di lottizzazione nel quadro dell’amministrazione per accordi
    Renato Martuscelli
    (Febbraio 2011)

    Nella materia urbanistica ha trovato il proprio terreno di coltura il modello dell’amministrazione per accordi.

    Quello dei moduli convenzionali in urbanistica – o, più semplicemente, delle convenzioni urbanistiche – è un tema di grande interesse, perché, oltre a presentare una indiscutibile rilevanza pratica e un notevole interesse storico, in quanto investe l’evoluzione del concetto stesso della proprietà fondiaria ... [ leggi]

    Riflessi privatistici in materia contrattuale del principio comunitario di non discriminazione
    Veronica Bongiovanni‏
    (Dicembre 2010)

    Nel sistema di protezione multilivello dei diritti fondamentali, il principio di non discriminazione, comportando la sua violazione un’offesa alla dignità, inerisce alle situazioni giuridiche c.d. esistenziali, immanenti all’“essere” della persona in quanto tale.

    Nell’ambito delle fonti comunitarie, tale principio era inizialmente previsto dall’art. 6 del Trattato istitutivo della Comunità Europea (attuale art. 18 del Trattato sul Funzionamento ... [ leggi]

    Garantías en la venta de bienes muebles de consumo: la conformidad
    Concepción Rodríguez Marín
    (Dicembre 2010)

    La Ley de Garantías  en la Venta de Bienes de Consumo de 2003 que tenía por objeto establecer un conjunto de medidas tendentes a garantizar la protección de los consumidores de bienes muebles, la conformidad de los bienes con el contrato de compraventa, así como articular la garantía comercial que adicionalmente puede ofrecerse al consumidor, ha quedado incorporada, conforme a las previsiones del mandato comunitario originario, al Texto ... [ leggi]

    Bipolarità dell’atto di consumo: neutralità,oggettivazione dello scambio e rilievo dei profili soggettivi. ideologia e dogmatica del codice del consumo
    Carlo Mazzù
    (Settembre 2010)

    La dottrina sta riflettendo sulla portata del fenomeno della c. d. “consumerizzazione del diritto civile”,il cui significato sostanziale è ancora da approfondire e da esplorare in tutte le sue implicazioni, metodologiche e pratiche, perché non resti un’espressione “ad effetto”, prigioniera del fascino dell’assonanza con la formula, ormai famosa, coniata per descrivere il fenomeno – per tanti aspetti parallelo – della ... [ leggi]

    La tutela individuale del consumatore al di fuori del codice del consumo in caso di pratiche commerciali scorrette.
    Cristina Dalia
    (Giugno 2010)

    Non sempre le forme di tutela collettiva e i rimedi specifici, apprestati dal codice del consumo, sono in grado di garantire al consumatore completo ristoro in caso di lesione del suo diritto ad assumere liberamente decisioni commerciali consapevoli e volontarie. L’indagine tende a verificare i margini di concreta operatività degli ordinari strumenti civilisti e penalistici in grado di salvaguardare il consumatore leso da comportamenti scorretti del professionista.

    [ leggi]

    La violazione degli obblighi di informazione tra regole di validità e regole di correttezza
    Antonio Musio
    (Maggio 2010)

    L’attualità del principio di non interferenza tra regole di validità e regole di correttezza ha a più riprese impegnato dottrina e giurisprudenza, avendo il legislatore negli ultimi anni dato vita a disposizioni che inducevano a ritenere superato il richiamato principio. Dall’analisi delle diverse normative di derivazione comunitaria emerge, infatti, che le conseguenze derivanti dalla violazione degli obblighi di informazione possono essere di ... [ leggi]

    Eteronomia giudiziale e contratto diseguale
    Carla Cosentino
    (Maggio 2010)

    Lo scritto analizza il complesso tema dell'equilibrio negoziale e dei confini del potere d'intervento giudiziale sul contenuto delle pattuizioni private. La concezione del contratto come espressione della sovereign party intention sembra porsi su di un piano d'incompatibilità ontologica con il riconoscimento dell'equilibrio contrattuale come nuovo requisito di validità, o di idoneità dell'accordo negoziale al perseguimento d'interessi meritevoli di tutela rispetto ... [ leggi]

    I limiti funzionali dell'arbitrato sportivo
    Giovanni Sciancalepore
    (Maggio 2010)

    L’analisi della natura del lodo arbitrale in ambito sportivo, come è logico, involge una pluralità di aspetti, relativi alla natura del vincolo contrattuale che lega i soggetti, nonché alle prerogative della clausola compromissoria sottoscritta dagli  stessi ed ai suoi profili di interazione con quella prevista dallo statuto federale.

    In tale ottica, la natura del lodo relativo alle controversie che possono insorgere fra agente e atleta sollecita numerose ... [ leggi]

    La pubblicità dei prodotti assicurativi, dei prodotti bancari e finanziari e la disciplina delle pratiche commerciali scorrette
    Salvatore Sica
    (Maggio 2010)

    Il lavoro analizza la pubblicità dei prodotti assicurativi e quella dei prodotti bancari e finanziari alla luce della recente disciplina delle pratiche commerciali scorrette, oggi confluita nel d.lgs. n. 206/2005 (il cd. “Codice del consumo”). L’Autore, in particolare, si sofferma sulla rappresentazione dei rendimenti secondo le regole dettate da Banca d’Italia, Consob e Isvap, nonché sulla pubblicità effettuata per il tramite di intermediari distributori, ... [ leggi]

    ------------------------------------------


    Consulta anche i contributi in "Note, commenti e rassegne"